Running for the Planet

(tempo di lettura 2 minuti)

Il trend del vivere sostenibile, possibilmente #zerowaste, è entrato preponderante nelle nostre vite ormai da qualche anno, modificando le nostre abitudini di cittadini e runners. Una moda che sembra dilagare a macchia d’olio e che potrebbe effettivamente portare dei benefici per il pianeta terra ed aiutare l’implementazione della circular economy.

 

Nei principali social network – Instagram, Twitter, Facebook – sono continue le sponsorizzazioni di blog, negozi, iniziative, che danno consigli su come avere uno stile di vita più sostenibile (retezerowaste, nonsprecare.it, etc.) invitano a fare acquisti privi di imballaggi, magari portandosi contenitori da casa (vedi Negozio Leggero), a comprare nei negozi vintage, oppure attraverso portali che permettono uno scambio di vestiti tra utenti (zerorelativo.it, armadioverde.it, reoose.it, sono solo alcuni dei più conosciuti), ad aderire ad eventi a sostegno del pianeta terra (#fridaysforfuture, Earth Day, World Enviroment Day, World Ocean Day etc.). Ma non solo, da qualche anno sono presenti sulla rete diverse iniziative, dai social network alle app per monitorare l’attività sportiva, che seguono il concetto di sustainability, e hanno come scopo quello di mettere in contatto e coinvolgere maggiormente le persone nell’adottare uno stile di vita più green.

 

Molti di questi strumenti digitali utilizzano sistemi incentivanti che ti premiano per ogni azione ecosostenibile che registri sui loro portali. Correre, andare in bici, riciclare materiali, vestiti, oggetti sono solo alcuni dei comportamenti che ti permettono di accumulare punti che vengono poi trasformati in coupon spendibili sui vari siti web per ottenere sconti durante l’acquisto online, oppure permettono di donare i punti accumulati ad associazioni e organizzazioni impegnate nella salvaguardia del pianeta.

 

Nell’ambito dei social network presenti sulla rete, uno molto interessante nato in terra toscana è GreenApes, il social network green per la sostenibilità ambientale, che invita le persone a condividere buone pratiche, come mangiare bio e a km zero, fare la raccolta differenziata dei rifiuti, spostarsi in bici o con i mezzi pubblici. Attraverso questo sharing gli utenti hanno la possibilità di vedere le loro azioni sostenibili premiate con rewards veri e propri: sconti, promozioni, pasti omaggio, eventi speciali. Il tutto tramite l’accumulazione di BankoNuts, le “noccioline” che danno diritto a premi speciali. Greenapes non si rivolge solo ai singoli utenti, ma anche alle municipalità cittadine che tramite esso possono realizzare la loro vocazione di Smart Cities. Infatti il sistema aiuta gli stakeholders locali a incontrarsi, creando eventi, coinvolgendo e premiando i cittadini per il loro impegno nella sostenibilità.

 

Altre iniziative green che invece coinvolgono più da vicino il mondo del running e permettono di trasformare il proprio allenamento in una buona azione a favore dell’ambiente sono spesso organizzate da varie app per la corsa che permettono di accumulare punti ad ogni km corso, convertiti poi in soldi e donati ad organizzazioni impegnate nella tutela del territorio. Un esempio è Runtastic che in occasione della giornata mondiale degli oceani, ha dato il via all’iniziativa Run for the oceans: corri contro l’inquinamento: per ogni chilometro che verrà percorso, Adidias donerà 1 $, fino a un massimo di 1.5 milioni di dollari, al programma Parley Ocean School.

Quindi Runners, che aspettate ad iscrivervi?!

You may also like